Correlation in between EAWS and OCRA index concerning the repetitive loads of the upper limbs in automobile manufactoring industries, Lavatelli I. et al. (2012)

Articolo pubblicato negli atti della Conferenza Internazionale di Ergonomia (IEA), Recife (BR), 2012
EAWS4-OCRA correlation for upper limbs load risk score evaluation

La pubblicazione scientifica sintetizza i risultati di uno studio condotto nell’anno 2011 dalla nostra Fondazione con la preziosissima collaborazione dei team Fiat di Work Analysis Centrale e degli Ergonomi.
Lo scopo dello studio è quello di misurare il grado di correlazione tra gli indici OCRA e l’indice EAWS4 (EAWS4 indica la quarta sezione del sistema Ergonomic Assessment Work-Sheet, che tratta del carico biomeccanico degli arti superiori generato da movimenti ripetitivi). Sulla base dei risultati ottenuti (molto buoni) si sono identificate alcune azioni correttive che hanno riguardato EAWS4, che hanno permesso di ottenere risultati eccellenti della suddetta correlazione, portando quindi i due sistemi (OCRA e EAWS4), pur persistendo alcune differenze di impostazione, ad un allineamento pressochè perfetto misurato e quantificato con parametri statistici pubblicati nell’articolo stesso.
Alla luce di ciò vogliamo quindi mettere in evidenza che qualsiasi riferimento alla non conformità di EAWS rispetto ai vigenti standard ISO e CEN è puramente strumentale.
In questa sede vogliamo piuttosto evidenziare ulteriori considerazioni pratiche che sono molto utili per aziende manifatturiere che vogliono coniugare il migliuoramento della produttività con il controllo e la mappatura del carico biomeccanico:

Ergonomic Assessment Work-Sheet (EAWS) è il sistema adottato dal network internazionale MTM (International MTM Directorate – IMD) come sistema ufficiale di analisi del carico biomeccanico, parte della piattaforma tecnica MTM. Grazie a ciò, EAWS viene reso disponibile in tutte le lingue e le regole di qualificazione di istruttori ed applicatori seguono i rigorosi standard IMD.

EAWS copre tutte le aree di rischio generate dal sovraccarico biomeccanico: posture del corpo, azioni di forza, movimentazione manuale dei carichi e movimenti ripetuti dell’arto superiore.

EAWS è progettato sulla base degli standard ISO 11228 (parti 1, 2 e 3) e ISO 11228 e la correlazione con i sistemi di analisi ergonomica di secondo livello è stata verificata sul campo.

EAWS è un sistema ingegneristico di analisi del carico biomeccanico, il cui scopo è la progettazione di processi manuali di lavorazione (workstation) sulla base di distribuzioni statistiche di valori antropometrici e di percentili di forza massima in funzione delle diverse posture. In questo si differenzia notevolmente dai comuni sistemi ergonomici di valutazione del rischio, il cui scopo è la valutazione del rischio di uno specifico operatore/operatrice in una data stazione di lavoro (le valutazioni di forze e posture sono relative allo specifico operatore/operatrice).

EAWS è strutturato per essere collegabile ai sistemi di analisi lavoro MTM. La gestione del continuo aggiornamento delle valutazioni di rischio (necessario per le numerose modifiche di volumi e mix produttivi, per i cambi di metodo di lavoro e di attrezzature, …) richiede un collegamento robusto con i cicli di lavoro, che rappresentano l’informazione più affidabile nell’industria per descrivere e misurare un processo di lavorazione (ai cicli di lavoro sono collegati i costi di produzione e la pianificazione). Se il ciclo di lavoro viene modificato a fronte di una modifica di condizioni (es. ribilanciamento linee), anche l’analisi ergonomica deve essere aggiornata!

EAWS è progettato sulla base degli standard ISO 11228 (parti 1,2 e 3) e ISO 11226.

EAWS trova il suo campo di applicazione ideale nei processi di lavorazione manuali manifatturieri con cadenze (Takt) comprese tra i 30 sec ed i 20 min. Al di fuori di tale range sono necessari accorgimenti specifici per garantire livelli di accuratezza adeguati.

   x

Perchè l'Italia deve puntare sull'industria dell'auto

L'automotive italiano assicura all'Italia 93 miliardi di Pil e 250.000 posti di lavoro. Come affrontare la crisi in cui sta, di nuovo, entrando? È online il nuovo Quaderno di Approfondimento.

Scopri di più